La teoria del tutto: il cinema che emoziona

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/023/78734494/files/2014/12/img_2103.jpg
Un giovane fisico di Cambridge scopre di avere solo due anni di vita, a causa di una distrofia muscolare (SLA) che gli impedirà di vivere “normalmente”. Stephen e Jane, si incontrano ad una festa scolastica ed è subito colpo di fulmine, nonché l’inizio di una storia.La dolcezza con la quale il film si sviluppa è unica. A dimostrazione che la disabilità non sempre è un limite.Stephen vuole proseguire a formulare la sua teoria, che l’universo non ha confini.Il teorema “del tutto” non lascia spazio al tocco provvidenziale e divino. La contrapposizione scienza,religione conduce il film su due filoni differenti che apparentemente non si incontrano mai. Oltre le convinzioni ideologiche Stephen e Jane si amano.L’amore sconfinato di una donna,oltre la bellezza,oltre la disabilità,oltre il dolore.Persino l’elemento “disturbatore”,si insinua nella storia elegantemente. La performance dei due attori, Felicity Jones e Eddie Redmayne rendono straordinaria l’intera pellicola,sia nell’incarnare il declino fisico del protagonista che nel trasmettere un messaggio di speranza.Il film è candidato a 4 Golden Globes come “Miglior Film Drammatico” e noi siamo certi che entrerà nel cuore di molti. In uscita nelle sale italiane dal15 gennaio.
R.R

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...